Etimologia di Ju Do

Dagli ideogrammi alle radici del judo

Etimologia di Ju Do - Articoli  - sporting napoli articoli

Il termine judo indica il sistema di combattimento basato sui principi delle antiche scuole di jujutsu (), codificato da Kano Jigoro.

Comunemente tradotto “la Via della cedevolezza”, per distinguerlo dal jujutsu che viene tradotto “l’Arte (puramente tecnica) della cedevolezza”, il termine è composto da due ideogrammi:

Ora, la lettura della lingua giapponese avviene attraverso due tipi di sistemi:

  1. On (di derivazione cinese, solitamente usata nei composti)
  2. Kun (prettamente giapponese ed utilizzata quando il termine è usato singolarmente)

che leggiamo Ju nella sua lettura “on”, ma che si legge yawa(na) nella lettura “kun”, è un aggettivo che significa “tenero, morbido”.

Etimologicamente è composto da due radicali:

  • che si legge hoko e che significa “lancia, alabarda”, era l’arma dell’esercito in Cina.
  • che si legge ki, significa sia “albero” che “legno”.

Questa scomposizione dell'ideogramma porta a due chiavi interpretative dell'etimo: 

  • La prima richiama la morbidezza del legno quando viene tagliato dalla lama dell’alabarda.
  • La seconda, più filosofica, richiama invece l’accostamento dei due opposti (i cinesi direbbero di yin e yang), interpretando il radicale hoko, “alabarda”, in maniera estensiva, ovvero “metallo”, mentre ki, “albero”, nell’estensione di “legno”.

Quindi il senso di “cedevolezza” assume il valore positivo di “adattabilità”, la capacità di armonizzarsi a seconda delle circostanze: essere più yin quando il mio avversario usa la forza ed essere più yang quando il mio avversario è troppo passivo.

Personalmente protendo per la seconda teoria, pertanto mi piace tradurre judo come la “Via dell’Adattabilità” più che della “cedevolezza”.

 

che leggiamo Do nella sua lettura “on”, ma che si legge michi nella lettura “kun”.

In entrambi i casi significa “via, strada”, con la differenza essenziale che, letto Do (trasformazione fonetica dal cinese tao) mantiene una valenza filosofica, ovvero la “Via” nel senso di “percorso interiore”. Ad esempio, la “Via” per raggiungere l’Illuminazione.

Letto michi, in lettura kun, indica invece la “strada” fisica, come le vie di una città.

Si potrebbe proseguire su una spiegazione dettagliata del concetto di Do, e del perché è così importante in Giappone e quindi compone la maggior parte dei nomi di discipline importanti quali, oltre al judo, l’aikido, lo shodo (arte della calligrafia), il chado (la cerimonia del thé) ecc. ma la rimandiamo ad altra occasione, per non allontanarci dall’analisi etimologica del termine judo.

Anche questo ideogramma è composto da due radicali:

  • che si legge kubi e significa “collo”, ma in cinese identificava la “testa”.

A sua volta è composto da che si legge mizukara che significa “se stesso” ma l’etimo profondo è qualcosa che ha a che fare con “gli occhi che puntano”.

Mentre il radicale superiore è la semplificazione di , kusa, “erba” nell’estensione di “qualcosa che cresce”.

Quindi si può interpretare come ciò che “cresce sopra gli occhi”, oppure, in senso più filosofico, ciò che cresce, si sviluppa, grazie alla percezione che abbiamo del mondo. Una sorta di unione tra il “se” più spirituale e la “mente”.

  • che è la semplificazione di , ideogramma che si legge shinnyu, “avanzando”, “l’avanzare”.

Quindi l’intero ideogramma Do può essere interpretato come “l’avanzare, il cammino del sè e della mente”.

 

Dr. Daniele Petrella. Ph.D.
International Research Institute for Archaeology and Ethnology
Presidente

Dottore di Ricerca in Lingue e Civiltà Orientali con indirizzo Giappone
Curriculum Storico Archeologico
 

scritto il 28 set 2016
Condividi questa pagina su:

Forse possono interessarti anche i seguenti articoli

Il "NO", il limite e la libertà nel judo

Il "NO", il limite e la libertà nel judo

Come si coniuga la disciplina del judo con la libertà del bambino?

Il judo è uno sport "violento"

Il judo è uno sport "violento"

Qual è il rapporto tra judo e violenza?

Il judo e la paura

Il judo e la paura

Rapporto, elaborazione e gestione emotiva